La settimana della scuola digitale: #FuturaGenova (4, 5 e 6 aprile 2019)

VERSIONE PDF

Francesca Palareti, francesca.palareti@unifi.it

Università degli Studi di Firenze

La settimana dedicata al Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) rappresenta da anni l’occasione per  promuoverne le azioni ed avviare in tutte le scuole una riflessione condivisa sulle prospettive di crescita dell’innovazione digitale.

Durante quest’anno scolastico il nuovo tour Futura, l’evento itinerante organizzato dal MIUR per raccontare sui territori la scuola del futuro, ripartirà da Genova in un’edizione completamente rinnovata.     

Dal  4 al 6 aprile migliaia di studenti, docenti, dirigenti, personale scolastico, genitori ed esperti animeranno i luoghi centrali della città, trasformandoli in ambienti e laboratori digitali per documentare i tanti progetti già realizzati ed elaborare insieme attività coerenti con il PNSD. I dettagli di questa prima tappa nazionale sono stati presentati  dal ministro dell’Istruzione Marco Bussetti il 19 marzo scorso nella Sala Trasparenza della Regione Liguria; presenti anche il governatore Giovanni Toti, l’assessore regionale all’Istruzione Ilaria Cavo, il sindaco di Genova Marco Bucci e l’assessore comunale al Marketing territoriale Barbara Grosso. 

Il ministro ha sottolineato come la città di Genova, dopo la tragedia del ponte Morandi, abbia dimostrato di saper reagire in maniera tenace e determinata alle emergenze e come la scuola non sia stata coinvolta nelle criticità conseguenti al crollo del ponte grazie all’attivazione di una task forcepensata per evitare uno sradicamento dai propri istituti scolastici degli studenti coinvolti. 

Ha poi ribadito come Futurarappresenti una vetrina pensata per diffondere ed ottimizzare le nuove esperienze nell’ambito della didattica digitale, capace di dimostrare concretamente come il sistema di istruzione e formazione italiano sia già “incubatore di progresso e sviluppo”.

Programma di #FuturaGenova 2019

Nel corso della tre giorni #FuturaGenovasaranno affrontate le tematiche legate alla correlazione tra il digitale ed alcune discipline molto diverse tra loro, dallo sport all’alimentazione, dall’arte alla musica. I giovani partecipanti, infatti, avranno la possibilità di suonare attraverso tavoli interattivi, cimentarsi nella Street Artdigitale, disegnando su un muro di sensori, sfidarsi in cucina con cibi realizzati attraverso stampanti 3D.

Oltre 8.000 persone prenderanno parte ad incontri, seminari, gare di idee per contribuire al percorso di innovazione in atto negli istituti scolastici italiani. Saranno 6.400 i metri quadrati dedicati all’iniziativa, circa 113 i workshop di formazione e aggiornamento con esperti italiani e internazionali destinati a 3.500 docenti, a dirigenti scolastici e al personale amministrativo. Oltre 110, inoltre, i laboratori per circa 4.000 studenti della Scuola dell’infanzia e del Primo ciclo e circa 800 i ragazzi del Secondo ciclo coinvolti nelle competizioni previste. 

I numerosi eventi in programma saranno articolati in varie sezioni: nell’area Sport Arena, con un campo di calcio sensorizzato, si disputerà la Soccer & Data Cup, la prima competizione calcistica digitale della scuola italiana, una vera e propria maratona sportiva in cui gli studenti utilizzeranno strumenti e metodologie innovative, con l’obiettivo prioritario di rafforzare la consapevolezza sul ruolo dei dati. Oltre al tradizionale torneo sportivo di calcio a 5, organizzato in 12 partite, le squadre partecipanti si dovranno confrontare sullo sviluppo di una soluzione per l’analisi delle loro partite di calcio. Avranno a disposizione i dati delle partite giocate, acquisiti grazie ad un apposito sistema di sensori sul campo e sulle divise, che saranno proiettati su grandi schermi durante lo svolgimento del gioco.

Nello spazio denominato Digital Circusè previsto un percorso interattivo, con installazioni digitali, droni, gare di robotica educativa, spazi immersivi, FabLab, una “caccia al tesoro digitale”.

Nel Palazzo della Borsa sarà attivato lo spazio Agorà, che prevede dibattiti, incontri istituzionali, conferenze, iniziative, performance artistiche e musicali delle scuole italiane nonché la finale nazionale del Premio Scuola Digitale, iniziativa innovativa del MIUR che consiste in una competizione tra istituzioni scolastiche che abbiano proposto e/o realizzato progetti di innovazione digitale, anche di tipo imprenditoriale, al fine di favorire lo sviluppo e l’interscambio delle migliori metodologie didattiche.

L’area Future Zone ospiterà le buone pratiche digitali delle scuole italiane, mentre Students Matter proporrà laboratori didattici per le scuole del Primo ciclo attraverso esperienze di coding, robotica, makinge intelligenza artificiale. 

A Palazzo Grimaldi della Meridiana e Palazzo Tobia Pallavicino verrà allestito lo spazio Teachers Matter, gestito da esperti nazionali e internazionali, con decine di workshop, laboratori, Master Class per docenti, dirigenti e personale scolastico, sui temi dell’innovazione didattica, pensiero computazionale, creatività digitale, educazione ai media.

Ci saranno, inoltre, aree dedicate a percorsi competitivi sulle metodologie didattiche innovative, quali la Civic Arena, in cui squadre di studenti vincitori degli hackathon locali si sfideranno nel costruire soluzioni digitali per il futuro in diversi settori della sostenibilità, il Womest, dove le squadre di studentesse vincitrici dei laboratori locali disputeranno la finale nelle città del futuro, e lo STEAM Lab, aule dedicate alla sperimentazione di progetti inediti in ambito STEAM (Science, Technology, Engineering, Art and Mathematics) per studenti di ogni ordine e grado.

Il programma completo dell’edizione 2019 di Futuraè disponibile sul sito del MIUR.